Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Rivista bimestrale - Anno V - n.21 - Settembre-ottobre 2009
NOVITA' EDITORIALI  

I LIBRI SCELTI PER VOI
di Artemisia

















 



Andrea Camilleri, “Il cielo rubato, Dossier Renoir"
2009, Skira, Ginevra-Milano, € 14,00


Non è nuova la passione di Andrea Camilleri per i grandi pittori (ad esempio, per Caravaggio), ma è nuovo l’utilizzo di una sua full immersion attorno all’esperienza siciliana di Pierre Auguste Renoir, che va a costituire lo sfondo del più recente giallo dello scrittore. Un’interessante commistione tra realtà storica e invenzione letteraria contraddistingue, infatti, “Il cielo rubato. Dossier Renoir”, che pone al centro della storia il celebre viaggio in Italia compiuto da Renoir, maestro dell’Impressionismo francese ed intorno a questo nucleo narrativo si sviluppa un giallo, che si dipana lentamente tra amori, equivoci e misteri. Sulla base di un’indagine storico-biografica che l’autore effettua realmente attorno alla tappa siciliana del viaggio, avvenuto nel 1882, Camilleri immagina un avvincente intreccio che coinvolge il protagonista e che lo condurrà in un’avventura singolare, circondata di colpi di scena e intrisa di sottile erotismo.
Anche se il libro racconta l’innamoramento, quello del maturo notaio di Girgenti, Michele Riotta nei confronti di un’intrigante donna, Alma Corradi, che al lettore, come al protagonista, svelerà pian piano una contorta personalità, il tema conduttore del romanzo è l’ipotetica sparizione di alcune tele dipinte da Renoir durante il suo soggiorno ad Agrigento. L’epistolario, che caratterizza la struttura del romanzo, rende lo svolgimento degli eventi particolarmente appassionante e coinvolgente. Un giallo nel giallo, dunque, originale quanto brillante nella costruzione epistolare, con la sorpresa che il testo è anche arricchito di alcune riproduzioni di tele dipinte da Renoir in Italia, dalla “Baia di Napoli” alle “Cipolle” calabresi fino al famoso “Ritratto di Wagner” che l’artista ritrasse a Palermo in soli trentacinque minuti!

 



E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright