Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno XI - n.48 - Aprile-giugno 2016
ARTE nel MIRINO


“Akragas": la realtà magica di L. SERRANO e A. CRAPANZANO!
di Artemisia



Luis Serrano - Ulivo



Alessandro Crapanzano - Ulivo notturno


Non è raro nella realtà delle esposizioni contemporanee che due artisti, nel nostro caso un pittore, Luis Serrano e un fotografo, Alessandro Crapanzano, decidano di confrontare la propria creatività in un’operazione duale, che metta in luce un’esperienza condivisa utilizzando le rispettive competenze artistiche. La mostra “AKRAGAS”, curata da Sandra Pinto, che HonosArt presenta a Roma presso Contemporary Art Gallery, invita lo spettatore ad una riflessione estetica e semantica sul modo di percepire l’identica realtà oggettiva da parte di due sensibilità affini: un incontro di anime e di poetiche che, scegliendo i medesimi luoghi e le stesse immagini da ritrarre, rivela personalità diverse, ma ambedue collegate dal desiderio di impossessarsi emotivamente dell’oggetto da ritrarre. Luis Serrano, pittore madrileno di successo, con grande intensità dipinge con pastelli, oli e carboncini le visioni della valle dei Templi di Agrigento, facendo trasparire dalle linee e dagli effetti chiaroscurali la magia che alita nei luoghi millenari di una Sicilia archeologica e mitica. Alessandro Crapanzano, affermato fotografo, offre scatti notturni degli stessi luoghi affascinando con un luminismo pervaso di emotività e del senso nostalgico del trascorrere inesorabile del tempo.
Dal tempio di Hera ai telamoni distesi sulla pianura, dagli arcosoli agli uliveti circondati dal silenzio e dalla fioca luce del vespero, le immagini pittoriche e fotografiche dei due artisti raccontano all’unisono una storia di stati d’animo, di memorie, di stupore e di incanto, ricreando alla loro maniera l’atmosfera surreale che vive nella Valle tra i siti immortali. La pittura di Serrano porta con sé gli echi di un raffinato simbolismo, sempre presente nelle sue opere e mai di maniera; le foto di Crapanzano, nativo di Agrigento e dunque più che mai consapevole della realtà che racconta, si arricchiscono di lunghe ombre, misteriose e rivelatrici di sentimenti struggenti, frutto di lirica evocazione.



Alessandro Crapanzano - Arcosoli



Luis Serrano - Arcosoli





Luis Serrano, nato a Madrid, è laureato in Belle Arti presso l'Università Complutense di Madrid, ma ha proseguito gli studi di Storia dell'Arte all' Università La Sapienza di Roma. Di impianto prevalentemente figurativo, il lavoro di Luis Serrano si misura con tutti i generi tradizionali del disegno e della pittura, venandoli di connotazioni iperrealiste, teatrali, simboliche. In Italia la più recente personale si è tenuta al Museo Mario Praz/GNAM, a cura di Chiara Stefani, nell'ottobre 2012 (catalogo Palombi con testi di E. di Majo, M. Vallora e C. Stefani); l'ultima collettiva presso la galleria "L'Opera" a Roma, nel settembre 2013 (catalogo Palombi con testo di E. Sassi).



Alessandro Crapanzano, nato ad Agrigento, nel 1993 si è traferito per motivi di studio a Roma, dove ha iniziato alcune esperienze come fotografo autodidatta. Presso la scuola di "Arte e Mestieri" si è specializzato in fotografia analogica e stampa alla gomma bicromata. Predilige la fotografia paesaggistica, il ritratto e il nudo, dove introduce spesso elementi introspettivi, giocati su delicate simbologie. Appassionato di antiche tecniche, si è occupato di stampa artigianale di origine ottocentesca, come la calotipia, la cianotipia e la gomma bicromata. La più recente personale "Nudo dentro", si è tenuta presso Galleria Spazio40 a Roma.


E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright