Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno XVIII - n.74 - Gennaio - marzo 2023
GALLERIE IN RETE 

A Cellatica tra arte e moda. "Eleganze barocche" di ISABELLE de BORCHGRAVE
a cura della redazione


 Fino al 30 aprile 2023 la Casa Museo Paolo e Carolina Zani a Cellatica, nel cuore della Franciacorta (Bs), propone una mostra ispirata al tema arte e moda nel Settecento, esponendo le spettacolari creazioni dell'artista Isabelle de Borchgrave (Bruxelles, 1946). Una delle più affascinanti artiste contemporanee entra nella Casa Museo della Fondazione Paolo e Carolina Zani con abiti e creazioni vestimentarie che instaurano un ideale dialogo tra arte e moda. Le opere dell'artista belga non sono costumi teatrali o semplici riproduzioni di abiti storici, ma autentiche sculture realizzate interamente in carta che celebrano l'eleganza e lo stile del Settecento europeo, di cui la Casa Museo conserva vere e proprie eccellenze storico artistiche. Le creazioni della Borchgrave dialogano naturalmente con gli ambienti e con parte della collezione Zani, così, tra gli abiti e gli accessori di moda ispirati a Madame de Pompadour e a Maria Antonietta, le tele di Boucher, Canaletto, Guardi e gli arredi esposti nel percorso permanente della Casa Museo, si instaura una sottile liaison, evocativa di un'eleganza fastosa e irripetibile, quella che sedusse le corti di tutta Europa nel corso del XVIII secolo. I cinque abiti scultura esposti all'interno del percorso museale nascono dal lavoro raffinato dell'artista belga che taglia, piega, dipinge, stropiccia, increspa, plissetta e ritorce minuziosamente semplici fogli di carta. Attimo dopo attimo la materia si trasforma tra le sue mani, assumendo l'aspetto di broccati, rasi, pizzi, merletti, trine, passamanerie… rivelando così, un'anima del tutto inedita.



4. Isabelle de Borchgrave, Robe Ó la franšaise alla Pompadour con scarpine barocche fibbiate (foggia 1750 circa). Anno di realizzazione 2011
3. Isabelle de Borchgrave, Robe Ó la franšaise con panier (foggia 1760 circa). Anno di realizzazione: 2001


All'interno della prima sala espositiva intitolata a Canaletto, il segno artistico della Borchgrave si ravvisa in una robe à la française bianca e azzurra e in due paia di scarpine dalla foggia rococò, esposte sulle panche architettoniche romane della metà del Settecento. La robe à la française, di ispirazione Pompadour, è collocata accanto ad un quadro di François Boucher (1703-1770), il "primo pittore del re", protetto dalla favorita del re Luigi XV, la marchesa di Pompadour - e a due cigni in bronzo dorato, parte di una serie di otto pezzi realizzati intorno al 1755 su disegno di Lazare Duvaux (1703-1758) per la stessa Madame de Pompadour. Le scarpine barocche francesi bianche e azzurre, accessorie alla robe à la française, presentano la classica fibbia circolare e la tomaia impreziosita da ricami floreali, in cui, la sapiente lavorazione della carta rievoca il fasto del broccato più fantasioso. La ciabattina bianca con ricami policromi floreali ricalca invece la classica foggia della calzatura da "boudoir", indossata quasi esclusivamente negli interni per la facilità con cui veniva sfilata dal piede. Nella sala delle temporary exhibition svetta una creazione assoluta, in cui la Borchgrave dà sfoggio di tutta la sua maestria tecnica e stilistica, ottenendo da semplici fogli di carta un effetto di morbidissima seta: una robe à la française con ampi panier laterali, una novità del rococò francese, che, come il guardinfante spagnolo, sosteneva l'ingombro di stoffa avvolgendo la silhouette con una struttura ovaliforme di cerchi in vimini e ossi di balena legati da fiocchi e nastri, riempiti con rotoli di seta o lana.
5. Isabelle de Borchgrave, Robe Ó la polonaise (foggia 1785 circa). Anno di realizzazione 2011
6. Isabelle de Borchgrave, Robe veneziana e dettagli di lavorazione (foggia 1750 circa). Anno di realizzazione 1997

Queste vere e proprie architetture per la sospensione si allargarono sempre di più nel corso del Settecento, come è ben documentato in questo abito scultura dell'artista belga, la cui foggia richiama modelli di corte del 1760 circa. Le maniche di questa preziosa creazione sono invece corte, fino al gomito, ma cascanti e svolazzanti fino al polso per mezzo di manezzini e manichetti, engageantes, mentre l'ampia bordura e l'orlo della sopravveste e della gonna risultano riccamente drappeggiati. Nel salone dell'Ottagono, tra arredi barocchi, coralli trapanesi e una serie di tele del vedutismo lagunare, il visitatore può ammirare una robe à la polonaise, un vero e proprio giardino fiorito in movimento, certamente una veste informale da passeggio, priva di panier, ma sostenuta da una tournure posteriore, che gonfia e solleva la figura. Il pattern di questa creazione in carta di Isabelle è ripreso dalla Robe à l'anglaise con chinoiserie del 1785 circa, oggi al Kyoto Costume Institute, mentre la foggia (polonaise) è ispirata a Le Bal Paré, incisione del 1774 di Antoine-Jean Duclos (1742-1795), da un'invenzione di Augustin de Saint-Aubin (1736-1807). Questa creazione della Borchgrave, seppur ispirata alla cultura vestimentaria francese della seconda metà del Settecento, dialoga in perfetta armonia con un capolavoro del vedutismo veneziano: Villa Loredan a Paese, l'ultima tela di Francesco Guardi giunta nella collezione Zani nel 2018, opera tra le più alte della produzione del grande pittore, databile intorno al 1780 e oggi collocata sopra il camino del salone. Queste vere e proprie architetture per la sospensione si allargarono sempre di pi¨ nel corso del Settecento, come Ŕ ben documentato in questo abito scultura dell'artista belga, la cui foggia richiama modelli di corte del 1760 circa.
1. Isabelle de Borchgrave, Robe Ó la polonaise (foggia 1785 circa) nel salone dell'Ottagono della Casa Museo
Le maniche di questa preziosa creazione sono invece corte, fino al gomito, ma cascanti e svolazzanti fino al polso per mezzo di manezzini e manichetti, engageantes, mentre l'ampia bordura e l'orlo della sopravveste e della gonna risultano riccamente drappeggiati. Nel salone dell'Ottagono, tra arredi barocchi, coralli trapanesi e una serie di tele del vedutismo lagunare, il visitatore può ammirare una robe à la polonaise, un vero e proprio giardino fiorito in movimento, certamente una veste informale da passeggio, priva di panier, ma sostenuta da una tournure posteriore, che gonfia e solleva la figura. Il pattern di questa creazione in carta di Isabelle è ripreso dalla Robe à l'anglaise con chinoiserie del 1785 circa, oggi al Kyoto Costume Institute, mentre la foggia (polonaise) è ispirata a Le Bal Paré, incisione del 1774 di Antoine-Jean Duclos (1742-1795), da un'invenzione di Augustin de Saint-Aubin (1736-1807). Questa creazione della Borchgrave, seppur ispirata alla cultura vestimentaria francese della seconda metà del Settecento, dialoga in perfetta armonia con un capolavoro del vedutismo veneziano: Villa Loredan a Paese, l'ultima tela di Francesco Guardi giunta nella collezione Zani nel 2018, opera tra le più alte della produzione del grande pittore, databile intorno al 1780 e oggi collocata sopra il camino del salone.
L'omaggio a Venezia è riservato al finale dell'esposizione dove, nella camera del Ridotto, circondata da arredi veneziani e da una serie di tele dipinte da Pietro Longhi intorno alla metà del XVIII secolo, è collocata una robe veneziana, concepita come una delicata andrienne sostenuta da panier, in cui la carta è trattata come velluto a coste, unito sulle maniche e operato sulla veste, ispirato a quei modelli che resero celebre la produzione tessile lagunare. Una superficie in cui la rigidità della carta si fa morbidissima, come un prezioso velluto operato veneziano, impreziosito da fili d'oro e da merletti a cascata che incorniciano le strette maniche e gli ampi paramano risvoltati.
Quelle della Borchgrave sono così presenze silenziose in carta che animano il percorso espositivo negli ambienti suggestivi e fuori dal tempo della Casa Museo, in cui i temi centrali che compongono la sua collezione permanente -Venezia e la Francia del XVIII secolo, l'Oriente, insieme alla Roma barocca- vengono riproposti con un nuovo punto di vista: quello di un'artista che ha trasformato la materia magica della carta in pura seduzione.


Biografia dell'artista
Isabelle de Borchgrave (Isabelle Jeanne Marie Alice Jacobs, Bruxelles 1946) Ŕ una delle pi¨ affascinanti artiste contemporanee, nota soprattutto per la sua produzione pittorica e per la creazione di abiti scultura in carta. Dopo la formazione al Centre des Arts DÚcoratifs e all'AcadÚmie Royale des Beaux-Arts di Bruxelles, la Borchgrave si Ŕ dedicata contestualmente alla pubblicitÓ, alla moda e all'interior design e, a partire dal 1994, alla creazione di costumi in carta destinati ad esposizioni museali. ╚ nata cosý, a partire dal 1998, una serie di fortunate e leggendarie mostre che hanno visto la Borchgrave protagonista assoluta di una tecnica particolare che unisce scultura e trompe-l'oeil, in una rivisitazione originalissima che lega la storia della moda all'arte. Papiers Ó la Mode (Paper in Fashion) l'ha vista impegnata in un percorso di oltre 300 anni di storia della moda, con sculture in carta celebrative dell'evoluzione dello stile vestimentario da Elizabeth I a Coco Chanel. La mostra Ŕ stata accolta nei pi¨ importanti musei internazionali, dal Boston Museum of Fine Arts al Victoria and Albert Museum di Londra, dal Museo Fortuny di Venezia al Royal Museums of Fine Arts of Belgium di Bruxelles, dal Museum of Fine Arts di San Francisco al Mode Natie Fashion Museum di Anversa, fino al Fashion Institute of Technology di New York, la Borchgrave ha dedicato intere collezioni (produzioni artistiche) a temi estremamente vasti: dalla tecnica della plissettatura di Mariano Fortuny, alla moda della corte de I Medici, dalla travolgente stagione dei Ballets Russes, con un omaggio a Sergej Diaghilev, Pablo Picasso ed Henri Matisse, fino alla recentissima rilettura del mito di Frida Kahlo, con una retrospettiva monografica che l'ha vista ricreare con la carta il guardaroba, i gioielli e gli arredi di Casa Azul della grande pittrice messicana. La tecnica artistica della Borchgrave prevede una lavorazione di semplici fogli di carta bianca, di spessore diverso, solitamente di 1 per 1,5 metri, stesi su un grande tavolo ricoperto di lino, poi dipinti e trattati con l'effetto trompe-l'oeil, e infine incollati. L'effetto prospettico ottenuto sugli abiti scultura, realizzati anche in dimensioni pi¨ grandi del vero, Ŕ accentuato da un sapiente uso dei colori - tempere, pastelli, matite colorate - che, come riportato anche dal New York Times (13 febbraio 2011), "sono ispirati dai suoi viaggi: i rossi delle rose della Turchia, i toni della terra dall'Egitto, i blu dalla Grecia... che producono effetti sorprendenti di colore scintillante, trasparente e consistente". Nel 1975 Isabelle Jacobs ha sposato il Conte Werner de Borchgrave d'Altena.



E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright