Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno X - n.46 - Ottobre-dicembre 2015
FULMINI e SAETTE  



LA POSTA

Questo spazio, messo a disposizione dei nostri lettori, intende tuonare contro l'omologazione del cattivo gusto, l'inciviltà, l'abusivismo e la negligenza delle autorità preposte alla tutela dei Beni Culturali e ambientali.
Proponiamo le vostre lettere in tempo reale.





L'Expo 2015: una gigantesca e confusionaria fiera paesana!

Ho visitato il tanto celebrato Expo di Milano, ma grande è stata la delusione e a tratti lo sconcerto. Alcuni Padiglioni mi hanno colpito dal punto di vista architettonico, come quello italiano, quello francese o quello del Kazakistan, ma nel complesso pochissimo di veramente originale, soprattutto all’interno dei Padiglioni, dove dominano banalizzazione e omologazione concettuale. La confusione regna ovunque sovrana: file inenarrabili di ore ed ore per entrare nei Padiglioni, code lunghissime nei bar e nei locali, perfino nei bagni…Anche l’organizzazione e l’informazione mi sono sembrate carenti, senza parlare del costo complessivo per una famiglia che intende trascorrere una giornata all’Expo! Se pensiamo che l’eredità dell’Esposizione universale del 1889 a Parigi è la Tour Eiffel, uno dei monumenti più visitati al mondo, mi chiedo cosa resterà di questo Expo 2015, se la maggior parte delle architetture sono effimere e molte altre smontabili da riportare nei Paesi d’origine? Insomma, valeva la pena spendere tanti soldi, di subire tante ruberie miliardarie per un evento di cui resterà poco o niente??!!

Giosetta F. da Benevento







A Modena una piazza moderna senza storia né bellezza!

Chi vada a visitare la città di Modena e la sua meravigliosa Ghirlandina si stupirà di trovarsi di fronte alla grande piazza, antistante al Palazzo Ducale, da poco riorganizzata. Da zona di parcheggio macchine, infatti, il Comune e la Sovrintendenza hanno giustamente deciso di trasformarla in un luogo accogliente e dignitoso per la Città. Ma ecco che dinanzi al bel progetto presentato niente meno che dall’architetto Calatrava, il Comune ha scelto invece di realizzare alcune “fontane”, il cui giudizio lascio a voi lettori! Dalle foto da me scattate, infatti, si vedono immagini improbabili di “pozzanghere”(anche i turisti si chiedono cosa siano!), che sono invece proprio le fontane create per rendere accogliente la grande piazza che immette nelle vie del Centro Città!!! Il progetto di Calatrava prevedeva parcheggi sotterranei e verde in superficie, più precisamente un giardino all’italiana che avrebbe dato alla Città, antica e ricca d’arte, quel tanto di “verde” che manca. Ai posteri l’ardua sentenza!!!

Andrea R. da Modena







E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright