Da non tralasciare, infine, per ciò che concerne lo studio dei tessuti, l’opera dell’insegnante di Arte della Scuola Marymount Dennis Cigler, cui Georgia resta debitrice di approfondimenti culturali.
Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno VIII - n.32 - Aprile - giugno 2012
IL COSTUME NEI SECOLI  

DISSERTAZIONI SULLA MODA

Le Perle di Geo. Collezione primavera-estate 2012

di Bruna Condoleo



E’ noto a tutti il posto privilegiato che la moda ha assunto nella società dal dopoguerra fino ad oggi, e non soltanto per l’aspetto economico, ma anche per quello sociale e culturale. Cos’è la moda, ci si chiede: consacrazione dell’effimero o linguaggio capace di racchiudere i significati più profondi? La moda non è qualcosa di futile, perché transitorio, ma è uno dei fattori che riflette i diversi aspetti della società, da quello filosofico e politico a quello antropologico, artistico e psicologico. Essa è un indicatore del “gusto epocale” e come tale esprime, al pari di altre manifestazioni sociali, le trasformazioni del pensiero e dei costumi di vita. Malgrado l’esigenza dell’abbigliarsi, antica quanto l’uomo, nasca dal bisogno di differenziarsi e di comunicare la propria identità, la moda del nostro tempo sembra mostrare il rischio dell’omologazione; non cade in questa trappola lo stile ideato da Georgia Fazi, la quale crea capi esclusivi e realizzati su misura, riscoprendo un minimalismo raffinato di linee, declinato con l’eleganza dei particolari e con la fantasia cromatica di accostamenti sapienti di tessuti. La nuova Collezione primavera-estate 2012 “Le Perle di Geo” non propone, infatti, capi frutto di un banale consumismo, né un abbigliamento che segua pedissequamente le linee imposte dall’Alta Moda, ma una collezione del tutto originale.
 

Abito realizzato con tessuti diversi


Georgia Fazi è una giovane ma già valente creatrice di moda che pensa tagli, immagina forme e strutture di abiti, inventa decorazioni, manipola tessuti scelti da lei con grande cura. Georgia crea la sua moda per e con passione; già dalla prima adolescenza si compiaceva a confezionare abiti, vocazione che si è poi affinata sotto la guida della docente di Sartoria Maria Maiani, colei che ha rafforzato e reso tangibile la sua inclinazione, permettendole di operare con tecnica e consapevolezza.
Da non tralasciare, per ciò che concerne lo studio dei tessuti, l’opera dell’insegnante di Arte della Scuola Marymount Dennis Cigler, cui Georgia resta debitrice di approfondimenti culturali. All’Accademia romana di Moda e Costume questa vocazione per lo stilismo si è poi perfezionata grazie soprattutto alla professoressa Benedetta Bonomi, docente di Tessuto, che ha instillato in lei il piacere della conoscenza dei materiali, conoscenza fondamentale e preziosa per la creatività in questo campo.
Dopo aver frequentato l’Istituto Europeo di Design, risulteranno proficui per lei il lavoro nell’Azienda di David Mayer e l’anno trascorso presso la Ditta Miss Bikini, esperienze che hanno contribuito a consolidare il suo estro artistico, già in nuce da tempo.
Dal 2008/9 inizia la realizzazione della prima Collezione di couture che porta il suggello di una personalità ben definita, con una salda componente di valore estetico: Georgia, infatti, pensa l’abito come un piccolo progetto artistico, quasi una tela su cui inventare linee, forme e colori. Ama decorare le stoffe che predilige come fossero pitture ad affresco, perciò sceglie preferibilmente il tessuto bianco per poi liberarlo del suo candore anonimo attraverso l’uso di colorazioni, sfumature di tinte, decorazioni di gusto geometrico…Il suo lavoro è teso innanzi tutto alla creazione di un capo che possegga armonia, equilibrio, misura, senza perciò escludere fantasia e gradevolezza estetica.
La sua personalità e la sua cultura la inducono a preferire un’essenzialità di tagli e un rigore di forme da potersi definire “classica”: linee pulite, asciutte e naturali, che non stravolgono l’anatomia femminile, ma la carezzano dolcemente; linee giovani, dai colori teneri e delicati che evocano opere di Matisse o di un Monet maturo.
Un prezioso lavoro di alto artigianato, dunque, caratterizza la produzione degli abiti firmati da Georgia: stoffe stampate con tecniche serigrafiche, abbellite da motivi particolari che individuano ciascuna nuova collezione (quest’anno sono forme di rose stilizzate!).



Completo pantalone in tessuto stampato dalla stilista, con rose stilizzate.

E poi ricami, applicazioni di piccole frange, spruzzi dorati, combinazioni di tessuti diversi, dal piquet alla seta, dal taffetas al lino, alla pelle, al camoscio, ma anche uso di tessuti etnici che si sovrappongono con tonalità differenti a creare raffinati puzzle.
Ogni tanto un’ispirazione dal magico Oriente trasforma il capo, sempre rigoroso nel taglio, in una fastosa sopravveste di dama bizantina, oppure è un tocco di aggressività che, differenziandosi dalla grazia leggiadra che connota tutta la Collezione, si esprime in un copri-spalle di pelle nera, grintoso quanto ricercato nei tagli e negli inserti di seta.
Gli abiti lunghi conservano nella loro linearità essenziale un fascino romantico, discreto e mai troppo ostentato; qualche incursione negli anni ’70 fa nascere soprabiti dal gusto revival, anche se l’elemento qualificante della moda di Georgia è sempre l’eleganza di cui si è accennato, che non cede mai a contaminazioni troppo azzardate, né a tentazioni trasgressive, ma si avvale di dettagli sapienti e di singolari cromie. Qualche tocco di civetteria si evidenzia nelle profonde scollature sul dorso di eleganti tubini stile anni ’60 o nelle maniche che lasciano maliziosamente scoperte le spalle. Dunque una moda, quella suggerita da Georgia, adatta a tutte le donne, di qualsiasi età, frutto di studio e di amore per il Bello, creata per vestire con gusto e dare di sé un’immagine fresca e raffinata, senza sfarzo o inutili barocchismi.
Benvenuta eleganza autentica!

(www.leperledigeo.com)





Abito a petali di tessuti etnici, di colori e fantasie diversi


Abito dipinto a mano con motivi geometrici, piccole frange applicate e bordo di taffetas


             
E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright